Mai fatte prima …buone, anzi, “di più”!

Però…
Anche questa ricetta, come tutte le mie ricette, ha una storia.
Premessa:
mio marito ci ha limitato l’uso della carne, così qui in casa ormai si mangiano solo polli del contadino ( li prendo da un gruppo Gas di volta in volta o quando mi va bene me li passa un amico che lavora per il carcere di Rebibbia allevati seguendo metodologie naturali e biologiche dai detenuti) e mucca dello zio.
Certo la fettina è comoda, specialmente quando si torna a casa all’ultimo momento e si va di corsa, ma se ci pensiamo bene basta organizzarsi per offrire una valida alternativa e curare con più attenzione l’alimentazione per la nostra famiglia.

La scorsa settimana ho deciso di provare a cucinare “proteine” alternative a quella della carne, mai fatto prima ad ora, ebbene si, non sono mai stata attratta da questi ingredienti, forse perché una volta li avevo assaggiati, tanto tempo fa in gioventù, mia sorella aveva comprato un libretto di cucina macrobiotica estrema ed aveva provato a “rifilarci” alcune preparazioni, ti ricordi Mannu? La pasta doveva avere la consistenza “del lobo dell’orecchio” , che risate!

Va bene, decido comunque di provare, faccio i miei acquisti: un bel pacchetto di fiocchi di soia e un pacchetto di tofu.
Vado un po’ a curiosare tra i blog, dal cavoletto c’è un intero post dedicato alla preparazione dei fiocchi di soia, mmhm ma allora sono buoni! Ci provo anch’io! Cosa c’è di meglio di COPIARE la ricetta che sta dietro alla confezione, è la mia prima volta, non voglio rischiare, e poi il piatto è invitante, si tratta di Hamburger, dosi per 4, ci può stare le bimbe piccole mangiano più o meno la metà delle nostre dosi. Parto e mi metto al lavoro. Seguo pari pari , metto a bollire i fiocchi per 10 minuti in brodo vegetale (fatto con carota sedano e cipolla) , tiro via, lascio riposare e raffreddare, aggiungo 150 gr di riso bollito (io ho fatto integrale perché ho pensato di aggiungere anche una buona dose di fibre), insaporisco come consigliato con sale, aglio ometto il prezzemolo perché non ce l’ho e la senape perché per le bambine forse è forte. Ecco fatto, ci siamo, è ora di cuocerle ed assaggiare il risultato. Però, dico io, quanta roba! Sicuro che era per quattro a me sembra che ne venga per un reggimento, mah, forse cuocendo si stringeranno un po’. Faccio l’Hamburger e inizio a cuocerlo, noo, si apre tutto cos’è successo, non si tengono insieme. Ripenso e rileggo tutto il procedimento, sono avvilita, per una volta che non avevo fatto le mie solite modifiche! Che faccio? Ho una ciotola piena di soia reidratata e riso integrale, subito penso al cane, male non li farà! Poi decido di continuare e di non dare vinta la battaglia , intanto trito le verdure che erano nel brodo vegetale, le aggiungo all’impasto con del  formaggio e due  uova, forse ci siamo. Faccio le crocchette grandi come un dischetto di cotone (quelli che si usano per struccarsi tanto per intenderci) ne escono fuori 35, alla faccia della dose per 4 persone… Le passo nel pan grattato e le cuocio in poco olio di oliva. Incrocio le dita. Perfetto, questa volta ci siamo, ne cuocio anche due in forno per verificarne la possibilità di cottura, e anche qui è andata. C’è stato un bel lavoro, una bella rielaborazione, ma ne è valsa la pena, ci sono piaciute moltissimo e volete sapere, ne ho surgelate alcune crude e alcune cotte, sono tutte due perfette, le prima basta lasciare che si scongelino un po’ e poi si procede a cuocerle direttamente scegliendo la cottura desiderata e le seconde si passano in forno solo per farle scaldare.
Quanto lavoro dietro ad una ricetta, ma credete sono contenta e ne è valsa la pena . Ah , a proposito la marca dei fiocchi di soia presi da Cuore Bio è questa, Sabo econature fiocchi di soia e…se volete anche voi copiare la ricetta…io ve lo avevo detto!

Ingredienti: per 35 crocchette, 180g di fiocchi di soia, 150g di riso integrale, una carota, una cipolla sedano, 2 uova, sale qb, pane grattato 5/6 cucchiai per impanare e olio extravergine per la cottura
Mettete a reidratare e fate bollire per dieci minuti circa i fiocchi nel brodo vegetale scolate e strizzare bene, tritate le verdure, aggiugete il riso integrale cotto, le uova e il formaggio, aggiustate di sale. Formate le crocchette , passatele nel pane grattato e cuocetele come preferite, in padella con olio caldo o nel forno rigirandole almeno una volta.

Il dottore dice: Preparato ad alto valore nutrizionale, in particolare per l’equilibrio dei suoi componenti (carboidrati , proteine, grassi, vitamine e fibre ) ed elevato tenore proteico. Pasto completo con l’aggiunta di una porzione di frutta e verdure. Inoltre sono davvero buone!
E bravo il dottore
!

Commenti

  1. Antonietta dice:

    Buone buone!! E sono un’ottima alternativa per quei bambini che non vanno molto d’accordo con la carne!!!

  2. Manuela dice:

    Ciao Natalia!Qualche giorno fa stavo cercando delle polpettine per la mia Viola che ha 13 mesi (ma è gia’ una buongustaia!),ed ecco che mi imbatto nel tuo blog che solo dopo una prima occhiata mi ha molto incuriosita!Appena ho un pochino di tempo,visto che purtroppo non sono un genio dell’organizzazione,do una sbirciata alle tue ricette.Ho provato le gallette di ceci della telefonata e sono state un successo!Provero’ anche queste tue crocchette,sai,sono gia’ una fan della soia e da quando sono diventata mamma ho iniziato ad interessarmi all’alimentazione e a cercare di proporre cose piu’sane anche in casa,anche se il mio compagno e’ un accanito carnivoro…ma che bello avere un marito che ti consiglia di ridurre la carne!
    Complimenti per la grande creativita’ e grazie per questo bel lavoro che ci hai regalato!

  3. Ciao ! Le devo provare anche se i fiocchi e simili non mi sembrano affidabili (come li fanno ?) Baci

  4. ciao, come sempre una bella idea, l’ho salvata e l’aggingerò al file di crocchette e hamburger alternativi che ho creato per i miei bimbi.
    un bacione

  5. Bè adesso che la mia cuoca preferita ha rotto gli indugi, non mi resta che seguire la strada tracciata….

    Come di consuetudine un grosso, enorme GRAZIE per i continui spunti che offri.

    Ciao e buona settimana

  6. Ciao Natalia! ma che belle polpettine!!!
    anche noi ci siamo imposti di limitare al massimo il consumo di carne rossa,questa alternativa mi piace davvero molto,sembrano gustosissime…le proverò certamente!

    e sempre a proposito di polpettine…
    .volevo dirti che al nido di Francesco hanno in bella mostra il tuo libro (:-) ; per stilare il menu si sono ispirati a tante tue ideuzze sfiziosette,ad esempio venerdi,i piccoli tesori hanno mangiato le “polpette di Braccio di Ferro” di “zia” NAT!!! :-)
    Baci

  7. macrobiotica di inizi anni ’80, dovresti riportare per intero certe pagine, c’è da sbellicarsi. Eppure lo tenevo sul comodino neanche fosse un libro su Santa Rita.
    le polpettine? non so, sono pigraaaa

  8. a beh…..se lo dice il dottore!!!!
    certo, è un piatto vegetariano e non vegano, ma l’importante è cominciare! a me invece, come ho avuto modo di dire più volte sul mio blog, piace sperimentare queste alternative, solo che in casa non mi seguono……
    quando preparo il seitan mio marito irrimediabilmente mi guarda storto, e sta contagiando Ottavio! e non è che lo proponga loro tutti i giorni…..
    ma tanto non mi arrendo! poco tempo fa col seitan ho preparato il ragù: era così buono che Enzo mi ha fatto i complimenti…..ovviamente ha saputo di cosa si trattava solo dopo averlo mangiato e gustato!
    curiosando qua e là scopri che al posto delle uova puoi usare un po’ di pastella ottenuta dalla farina di ceci, così tieni sotto controllo il colesterolo!
    insomma, secondo me serve eccome informarsi e sperimentare! Brava Nati!

    baci

  9. Claudia dice:

    Belle…da provare! Ma davvero non consumate mai carne? Oddio, avevo notato che sul blog ci sono tantissime ricette di pollo ma mai mai una bistecca? Lo so che non fa bene mangiare carne rossa tutti i giorni, ma una volta ogni tanto non la mangiate la carne? A mio figlio faccio una bella bistecchina al sangue una / due volte alla settimana, ha 2 anni e mezzo credo ci possa stare, no??

  10. Ma sai che nel paese della soia non trovo i fiocchi di soia, i faglioli si, lafarina pure…Magari provo con i fagioli. queste polpette si adattano facilemene in versione gluten free !!
    .Baci, Simonetta

  11. marianna dice:

    ciao natalia, seguo da un po di tempo con molta attenzione il tuo blog, poiché ho due bambini, mi piace cucinare e tengo alla loro salute… ho da chiederti però sulla soia: io ho letto su internet diversi articoli che smentivano le proprietà benefiche della soia e al contrario la ritenevano dannosa per la salute… anche la mia pediatra omeopata non la consiglia piu… tu, anzi tuo marito, cosa ne pensa? infine, grazie a te ho scoperto tutte le virtu delle uova di quaglia e ho informato i miei amici… grazie del tuo bellissimo lavoro. marianna

  12. Belle e devono essere anche buone. Mi togli una curiosità: come mail il dottore vi raziona la carne? Mi interessa perché anch’io ne mangio poca e tendo a farne mangiare poca ai miei figli, ma vengo un po’ criticata dalle nonne…..

    Ah, e…. la ricetta del Cavoletto non prevede il riso, ma pane ammollato e strizzato. Forse così non sarebbero “crollate”? chissà……..

  13. Ops. Ho letto ora che la ricetta l’hai copiata dalla confezione dei fiocchi e non dal Cavoletto. Scusa!

  14. Buonerrime!!! Sono assolutamente da fare e in quantità indistriali, viste le bocche che mi ritrovo da sfamare!!!

  15. Renzo mi chiede se hai copiato il punto di domanda e poi ride.

  16. Ogni tanto fa bene cambiare un po’…poi a casa mia tutto quello che è a forma di polpetta va alla grande!!!Baciotto

  17. a questo punto mi sa che provo pure io! a me le proteine alternative mi stanno simpatiche assai. sono aiche di quel mostro brutto che mi porto dentro da piccola e che va sotto il nome di colesterolo :-(

  18. Ecco, anche noi abbiamo comprato una confezione di fiocchi di soia, e anche io ho seguito la ricetta per farne le polpette che c’era dietro (ma non era la stessa che dici tu all’inizio).
    Io mi deprimo molto più facilmente, ma devo dire che erano assolutamente immangiabili!
    non che ci aspettassimo di mangiare le polpette di carne, ma abbiamo fatto polpette coi ceci, coi fagioli neri, coi borlotti, con le lenticchie, con i fagioli di soia… tutte buonissime, ma quelle che abbiamo fatto con i fiocchi non si mangiavano proprio…
    Adesso che ci penso dovrebbero esserne avanzati un pochi, magari provo a fare queste, vediamo come vengono!

  19. cara Natti, domenica abbiamo battezzato Tommaso e abbiamo preso a piene mani dalle tue ricette.é stato un successo! Sara ha preparato tutti i salatini come hai fatto per Elisa e sono andati a ruba peccato che tu non sia stata presente . Un grosso bacione a tutti e a presto

  20. I fiocchi di soia son bruttisimi a vedersi..e se nn cucinati a dovere nn son molto gustosi..ma fidandomi di te e del gusto delle tue bimbe provo questa ricetta! Grazie!

  21. Questa ricetta”alternativa” trovo che sia interessante! C’è sempre il giorno in cui hai voglia di cucinare in modo completamente diverso. dal tradizionale! Brava Natti

  22. loredana brianza dice:

    Giusto per andare fuori tema dopo tutto questo parlare di polpette vegetali……volevo tornare a Ricette per gioco!!! Il lunedì per me è un giorno complicato la piccola Irene che adesso è grande ha danza dalle 19 alle 20.30…..e io alle 19 ancora non avevo deciso come prepare il petto di pollo che avevo preso. Mi serviva una ricetta veloce, da poter prepare prima perchè il papà voleva mangiare prima e da scaldare poi….mi ricordavo una ricettina…..Padellata di pollo con patate sabbiose….UNA FAVOLA!!!! tanto semplice quanto buona a prova di Irene “mamma sai che il pollo non mi piace” lo assaggia….”mm questo è buono”!!!! GRAZIE per il blog, ma anche per il libro è bello averti, avervi in giro in cucina!!!

  23. uhm invitanti… ti volevo dire che “ti ho nominata” in questo mio post. baci http://bimamma.blogspot.com/2010/10/la-cucina-e-tempo-di-cottura.html

  24. Sabrina dice:

    Ciao Natalia
    dopo aver letto il libro di Safran “Se niente importa. Perché mangiamo gli animali?” non sono più riuscita a comperare carne. L’ultima volta che cercavo di convincermi che un po’ di proteine nobili avrebbero fatto bene a tre ragazzi/e in crescita mi sono sforzata, al super, di cercare con attenzione qualche cosa. A vedere quei pezzi di carne mi è venuto il magone.
    Però è difficile proporre alternative e spesso uso le farine di legumi perché fagioli e ceci non sono molto amati. La tua idea mi piace molto li potrei spacciare per arancini che ne dici?

  25. Sabrina dice:

    Sono andata a curiosare sul cavoletto. Forse ti sono venute tante polpettine perché intendevano il peso della soia dopo l’ammollo (lei nella ricetta delle polpette lo specifica). Ma come si fa a calcolarlo prima?

  26. Ciao Natti, come ha detto mia mamma per il battesimo di Tommi sei stata una consulente preziosa. Insomma, non c’eri…..ma c’eri!!! Ciao ciao

  27. Se me le garantisci tu le provo, anche perché l’effetto all’occhio è interessante…
    Anche noi stiamo cercando di limitare la carne (io in realtà per due anni non l’ho proprio più toccata per motivi che non ti sto a dire…) e sempre più spesso facciamo uso di legumi e altre fonti di proteine.
    Da qualche parte in libreria ho anche Il Cucchiaio Verde, mi sa che devo rimetterlo sul ripiano a portata di vista! ;-) )

    polepole

    (ma tu il tuo vizio per il gioco dei vizi ce lo vieni a raccontare, vero? ;-) )

  28. daniela dice:

    Buone!!
    Solo a guardare la foto le sento crocchiare sotto i denti !!

  29. @antonietta – una a caso?

    @Manuela – grazie mille la tua bimba è fortunata ad avere una mamma così attenta e consapvole, continua così!

    @natalia – io ho comprato quelle biologiche per avere un po’ più di sicurezza, poi ho letto che se hai una fiocchettatrice (non chiedermi che cos’è, le puoi anche fare in casa ????)

    @rodo – per noi è stata una vera sorpresa!

    @letiziando – evviva la soia!!!

    @Chiara – ma dai davvero? sono molto orgogliosa ed onorata! non è che qualche mamma ne vuole anche acquistare una copia per continuare a cucinare a casa queste prelibatezze???

    @Mannu – dai cosa devi fare? sport, passeggiate, carte, lettura, ma sei proprio diventata una SIGNORA?

    @maetta – grazie del consiglio!

    @Claudia – no. no la carne la mangiamo ma preferibilmente bianca, rossa pochissima però ne mangiamo anche noi due o tre volte la settimana.

    @Glu.fri – magari puoi dare una frullatina per rendere il tutto più compatto . in effetti se metti la farina di mais tostato al posto del pane ecco la versione adatta a te, e molto, molto saporita!

    @Marianna – Mio marito dice che la soia è un ottimo prodotto vegetale con caratteristiche proteiche di qualità quasi come uova e carne e per uguagliarli basta consumarla con cereali Ultimamente c’è una grande disquisizione sui prodotti transegenici, soia compresa, ma è presto per potersi esprimere a proposito e per adesso molti pensano, mio marito compreso, che potrebbero risolvere molti problemi dell’alimentazione mondiale

    @Elga – sono sicura che piacerebbero anche li da te!

    @Mannu – si, l’ho inventato io perchè, ma no, non dirmi che l’avevi già visto fatto così uguale, rosso e più piccolo da un’altra parte!!!! scemiiiii

    @Ambra – ecco dov’è il trucco!!

    @rosa – ecco combattilo bene e senz’altro con queste non lo alimenti!!!

    @Gloria – di me ti fidi vero???? provale , saporite, croccanti, insomma buone

    @Lory – non avevo dubbi, sarebbe andato benissimo anche senza le mie ricette, però un pochino vi hanno aiutato e sono contenta. ci vedremo nel we, solita visitina? a mannaggia però sabato sera esco con amici di modena…

    @Cleare – grazie mille per la fiducia.

    @lucy – fare queste prove è più divertente

    @loredana brianza – quella ricetta è favolosa grazie di avermela ricordata quasi quasi la faccio stasera ah, ah

    @twins(bi) mamma – grazie è molto bello e tira anche su il morale leggere questi pensieri.

    @sabrina – proporli come arancini è un’ottima idea, li potresti anche colorare con un po’ di passata di pomodoro e aromatizzarli con l’origano, sissi, ottima idea! le istruzioni nel mio pacchetto dicevano di pesare 180g di fiocchi e poi metterli nel brodo così ho fatto, forse non li ho strizzati abbastanza, chissà, non è che si rompessero proprio però crepavano da tutte le parti e una volta cotti erano rimasti mollicci!

    @Sara – grazie saretta, mi mancate, non vedo l’ora di conoscere le vostre famiglie!!!

    @polepole – grande il cucchiaio verde sta anche nella mia cucina e lo consulto spesso, mitigando però un po’ il gusto delle ricette un po’ troppo ardite alle volte, bisognerebbe avere dei palati allenati a questo tipo di cucina

    @daniela – si rendono bene l’idea! baci

  30. @Bea – scusa ma avevo saltato il tuo commento, ecco cosa dice il dottore : Sinteticamente tutti i grassi di derivazione animale, carne latte, esclusi quelli della maggior parte dei pesce, facilitano l’arteriosclerosi con tutte le sue conseguenze cardiocircolatorie. per cui moderarne il consumo è sicuramente un fatto positivo. ciao

  31. Le faccio subito! anzi prima devo comprare i fiocchi di soia, le farò domani!

  32. melinda dice:

    Che golaaaaa!!!! Mi hai dato una buona idea per il pranzo, oggi crocchette però io le faccio con miglio, quinoa o amaranto, uova, grana grattuggiato, farina farro, sale…sono buonissime!

Trackbacks

  1. [...] Il dott. mi ha detto che se aggiungevo un po’ di soia, quella in fiocchi che avevo già usato qui, i valori nutrizionali di questo piatto erano perfetti, va bene, è una sfida ci riproverò di [...]

Lascia il tuo commento

*