Home Chi Sono

Chi Sono

Natalia CattelaniMi chiamo Natalia Cattelani, sono nata a Sassuolo (Mo), vivo a Roma dal 1990, da quando mi sono sposata. La passione per la cucina ce l’ho da sempre, a me cucinare piace, rilassa, mette in moto, mi tiene in contatto con i sapori della vita, che sono anche i sentimenti da cuocere e da mangiare. Cucino con garbo, sperimento, metto insieme, do da mangiare alle figlie (Silvia, Chiara, Laura ed Elisa), al marito cresciuto con l’ottima cucina calabrese della madre, ai parenti di Sassuolo, agli amici di Roma, alle feste che ho organizzato per altri, conoscenti e figli di conoscenti, per battesimi, compleanni, campi scout, i bambini della casa famiglia San Giuseppe, amici di San Nicola, allieve della scuola Cuciniamo.ci di Roma.

Eccoci in tavola, dunque siamo lì, con il tempo che abbiamo ritagliato agli impegni che si accavallano, per offrire un po’ di noi, per tessere il nostro enorme in quanto unico mondo di relazioni, per prestare un po’ di attenzione o per riceverla, perché il tempo di cottura è azione, trasformazione e fusione di elementi.

Con questo blog non mi propongo di insegnare a chi non sa o di confrontarmi con chi sa già. Quello che mi ha spinto a scrivere è la voglia di comunicare delle idee che aiutino ad agire.

Idee semplici e finalizzate.

Idee che ci tengono in movimento.

Nel tempo di cottura.

Parto dai bambini e dedico questo mio primo sforzo a loro, stiamo con loro,festeggiamo con loro, creiamo cose per loro.

Per info scrivere a nataliacattelani@gmail.com

114 commenti

Una torta allegra | Madeinkitchen Blog3 agosto 2009 at 09:03

[…] una ricetta dolce dedicata ai bimbi: La torta allegra! Creatrice di questa coloratissima torta è Natalia del blog Tempo di cottura, che qualche tempo fa ci aveva consigliato un simpatico modo per […]

Rispondi
catia22 settembre 2009 at 11:57

Complimenti x l’ottimo lavoro!!!!
Sono capitata x caso nel blog e … non lo mollo più!
GRAZIE da una mamma con la passione x la cucina (sono bolognese) ma poca esperienza pratica 🙂
Cat

Rispondi
Natalia
Natalia25 settembre 2009 at 17:11

@-catia, scusa non avevo letto il tuo commento, grazie per i tuoi apprezzamenti, fa sempre piacere riceverli, ti incoraggiano e ti segnalano che forse sei sulla strada giusta. ltu hai la cosa più importante, la passione, il resto verrà piano piano da sè. continua a seguirmi, un bacione grande. ciao

Rispondi
RosaMaria1 ottobre 2009 at 11:47

Carissima Natalia,
volevo rinnovarti i miei complimenti per il tuo blog.
Le ricette sono bellissime da vedere e buonissime da mangiare.

L’idea dei fiori di zucca al forno é eccezionale!!!!

Mi dispiace che non riusciamo più ad incontrarci ma le nostre strade scolastiche si sono momentaneamente divise….abbiamo sempre il balcone!!!!!

Un abbraccio affettuoso a te ed un bacio grande a Laura ed Elisa.
Rosa Maria

Rispondi
elena6 ottobre 2009 at 23:03

Ciao, sono la mamma di Beatrice, una bimba di quasi 4 anni.
amo molto cucinare e sperimentare e comincio a farlo quando ho tempo anche con la mia piccola.

cercavo ricette per bimbi ed eccomi qui anche io a scriverti per ringraziarti delle bellissime idee che proponi. questa sera ho provato le polpette di pesce ! beatrice che non mangia molto , le ha apprezzate davvero.

il tuo blog e’ molto bello ! GRAZIE!

buon lavoro

a presto

elena

Rispondi
Egeria Bandinelli12 ottobre 2009 at 21:44

Gentile Signora, è parecchio tempo che non ci vediamo. Mi mancano le nostre chiacchiarate,facendo terapia, sulla cucina e su tante altre cose. Oggi suo marito mi ha parlato del suo blog e lo ho subito cercato. Lo consulterò spesso, sarà un modo per rimanere in contatto. La seguirò anche in Tv. Un grosso bacio a Lei e alle bambine (oggi ho visto la grande, è molto bella)

Egeria Bandinelli

Rispondi
Natalia
Natalia14 ottobre 2009 at 16:10

Chissà perchè da queste parti mi dimentico sempre di fare un giretto, volevo ringraziare tutte voi che mi state vicino, che con i vostri commenti dimostrate di apprezzare i miei “giochi” in cucina, questo significa che anche voi vi volete divertire con i vostri bambini,!!l’amore si dona anche e soprattutto con il tempo che si trascorre insieme, e badate bene, non è la quantità ma la qualità che lascierà la traccia nel cuore delle persone che amiamo…
@Rosamaria- che dire,…mannaggia a quelle tende!!

@elena -brava beatrice, fallo vedere a mamma che anche tu sei una buongustaia! grazie elena, spero di non deluderti ….

@Egeria – ma che piacere sentirla!!!!ecco vede, con questi mezzi telematici abbiamo trovato il modo di riprendere le nostre chiacchere, grazie anche a mio marito che continua ad appoggiare le mie iniziative con lo stesso entusiasmo di sempre. Si le bambine crescono, e le ragazze stanno migliorando con i loro gustia (basta calze a rete stracciate, righe nere di matita esagerate negli occhi, e pantaloni stracciati in fondo ai piedi) si rifaccia sentire, ci conto!! a proposito suo figlio???novità?

Rispondi
EGERIA BANDINELLI31 ottobre 2009 at 14:24

e+E

ECCOMI DI NUOVO. L’HO VISTA IN TV ALLE PRESE CON LA ZUCCA. E’ BRAVISSIMA COME AL SOLITO E VEDO CHE LA DIETA HA FATTO EFFETTO ALLA GRANDE.
EMILIANO ORMAI DA UN ANNO E’ ANDATO A CONVIVERE CON UNA BRAVISSIMA RAGAZZA E TUTTO PROCEDE TRANQUILLAMENTE. UN BACIO, A PRESTO.

Rispondi
Andrea Fabi (papà di martina)1 novembre 2009 at 19:50

Bellissimo blog! Complimenti!
Approfitto per chiederti un consiglio: per cucinare l’orzo perlato lo devo prima preferibilmente tostare per diminuire il tempo di cottura?
Grazie. A presto.

Rispondi
Antonella2 novembre 2009 at 15:33

Ciao! Sono mamma di Leonardo (14 mesi) a cui piace molto mangiare, infatti ho già sperimentato alcune delle tue ricette (soprattutto polpette); ma è molto goloso anche di biscotti plasmon: hai suggerimenti per prepararli in casa?Grazie

Rispondi
natalia
natalia3 novembre 2009 at 11:07

@egeria – eh, si, la deta del marito questa volta ha funzionato, o forse sarebbe meglio dire la mia testa ha detto si!!! sono molto contenta per emiliano e …per voi naturalmente. un grosso saluto

@andre – ciao, scusa se ti ho fatto aspettare, a casa c’è sempre un gran caos e non riesco a trovare sempre il tempo per stare come vorrei al pc. dunque per quanto riguarda la tostatura dell’orzo la si può fare per avere un sapore più deciso nelle preparazioni ma che io sappia non c’entra nulla con i tempi di cottura, è solo un altro modo di procedere alla sua preparazione, quando per esempio si vuole fare l’orzo risottato (cuocerlo come il riso allungandolo con il brodo). d’altra parte l’orzo perlando, essendo privo della pellicina esterna che riveste normalmente il chicco, ha già di per se una cottura più veloce. se vuoi renderla ancora più corta potresti tenere a bagno i chicchi per alcune ore, anche se in alcune qualità di orzo rischieresti però di perdere consistenza. io mi regolo sempre leggendo i tempi riportati dietro alla confezione e scelgo quelli che hanno una cottura più veloce. spero di non averti creato confusione, grazie di tutto andrea e ci si rivede…in giro!!! salutami le tue donne.

@antonella – mi chiedi una cosa moolto difficile, riprodurre la ricetta di quei biscotti è un impresa ardua. ho letto gli ingredienti, sono privi di uova, c’è solo della farina di frumento, lievito, oli vegetali, latte in polvere… beh, mi avevi molto incuriosito con questa richiesta, sono andata in giro per il web, altre persone vorrebbero farli in casa ma nessuno ci ha provato. allora ci ho provato io ieri…lo so sono una matta ma le bimbe stavano buone così… allora quello che ho ottenuto sono si buoni biscottini ma che hanno ben poco a che vedere con i biscotti plasmon. posterò nel fine settimana la ricetta,però non perdiamo la speranza. quando vado in trasmissione incontro bravissimi pasticceri (luca montersino, salvatore de riso proverò a chiedere anche a loro di aiutarmi ok? baci e a presto

Rispondi
Antonella4 novembre 2009 at 15:07

Grazie per avermi risposto! Proverò comunque a farli! Inoltre volevo chiederti una precisazione rigurdo i puff di mele e cannella: ieri sera mentre il mio bimbo dormiva ho provato a farli ma il risultato non è stato quello sperato. L’impasto era molto appiccicoso da lavorare così ho aggiunto molta altra farina ma è cambiato poco, inoltre io ho aggiunto mezza bustina di lievito. Invece per il ripieno ho messo amaretti sbriciolati e buccia di limone gratt oltre le mele. Risultato sono rimasti pesanti non lievitati! Forse era troppo alto il forno (180°C)? Bisogna forse usare meno ricotta nell’impasto? Ciao Grazie

Rispondi
Antonella4 novembre 2009 at 23:18

Ciao! Volevo condividere una ricetta di una torta che mi piace fare in questo periodo. Si prepara la base di una torta allo yogurt o pan di spagna e la si farcisce con una crema all’arancia: 500 ml di succo di arancia (meglio se tarocco), 4-5 cucchiai zucchero, 2 cucchiai abbondanti di fecola. Intiepidire 400 ml di succo con lo zucchero; nel frattempo i restanti 100 ml stemperarli con la fecola, versare nel succo intiepidito e continuare la cottura a fuoco dolce sempre girando finchè non assume una consistenza gelatinosa (5 minuti ed è pronta!).
Scavare l’interno della torta e versarvi la crema. Chiudere con la parte di sopra la torta e versarvi una tavoletta di cioccolato fondente precedentemente sciolto a bagno maria, farvi cadere briciole della mollica della torta. Far raffreddare

Rispondi
Natalia
Natalia5 novembre 2009 at 18:44

@Antonella – O santo Cielo, mi dispiace, cosa potrebbe essere successo, vediamo… dunque la ricotta che si usa deve essere molto asciutta, io per esempio quando mi capita di farli uso quella in scatola o quella di un paio di giorni, e il pane, l’hai messo, quello assorbe l’acqua in eccesso e non rende duro l’effetto finale in cottura, il lievito ero tentata a metterlo anch’io, ma poi ho voluto provare senza e la loro consistenza finale mi è piaciuta. certo non sono soffici, è come mangiare un composto umido, compatto ma nello stesso tempo leggero, si sente la consistenza della ricotta, io ho cercato di raggiungere uno spessore sottile, ho preso il quantitativo di poco più di una noce e l’ho appiattita in mano. anto mi dispiace vedi se ti ho aiutato con queste precisazioni, altrimenti, se ci incontreremo un giorno….
grazie per la ricetta, dev’essere buonissima io senz’altro la voglio provare e magari la metto anche nel blog. sai che pensavo di creare una pagina con le vostre ricette, così potremmo fare uno scambio, o come hai fatto tu, lasciare qualcosa in più che fa piacere condividere con le “amiche” qui del blog. grazie per avermi dato anche questo spunto, il blog è bello se ci lavoriamo tutte!!!

Rispondi
maetta6 novembre 2009 at 10:57

l’ultima proposta mi pare proprio una bella idea!!! 🙂

Rispondi
Antonella6 novembre 2009 at 15:41

Ciao! Garantisco che è buonissima e ti permette di fare bella figura! Si può fare anche con altra frutta, io ho provato con le fragole ed è buonissima! Inoltre per chi non può magiare uova, ha problemi di colesterolo, ecc…è un’ottima alternativa. Sono un pò fissata con il mangiare sano…forse sarà una deformazione professionale…sono una dietista disoccupata!!!

Rispondi
Antonella8 novembre 2009 at 15:22

Ciao!
Ieri sera (ore 23.00!!!) ho preparato una torta che non facevo da tempo ma molto buona, ti dò la ricetta se può interessarti:
per l’impasto servono 250 gr farina-150 gr zucchero-3uova-1 bustina lievito-buccia limone grattuggiata.
per il ripieno servono 250 gr ricotta-100 gr zucchero-1mela-amaretti sbiciolati q.b.-canella a piacere. Per il ripieno si possono utilizzare anche noci, pere, cacao oppure come ho fatto io. insomma io vi aggiungo quello che trovo in casa in quel momento!!!
Monto i bianchi con metà zucchero.
monto i tuorli con zucchero e 2 cucchiai acqua calda, aggiungo farina, buccia limone e lievito.
poi unisco gli albumi ai tuorli, dal basso verso l’alto.
a parte preparo il ripieno unendo tutti gli ingredenti che desidero oltre la ricotta e zucchero.
ungo uno stampo a forma ciambella e verso metà dell’impasto, poi molto delicatamente metto la ricotta in modo da lasciare un bordo e verso sopra il restante impasto.
cuocere a 180° C per 30 minuti circa. buonissima(dimenticavo ho sbriciolato degli amaretti sull’impasto prima di infornare!!

Rispondi
Antonella12 novembre 2009 at 16:09

Ciao! Tutti gli anni in questo periodo preparo dei ravioli di zucca “speciali”o meglio dal ripieno speciale: zucca, radicchio tritato e qualche amaretto…per poi condirli con cipolla, pomodori secchi, radicchio e speck o pancetta. Io li congelo così sono pronti per natale. Sono buonissimi!Speciali!

Rispondi
Mannu12 novembre 2009 at 17:11

@Antonella adesso mi hai incuriosito: chi sei? Una dietologa golosa? Cos’è questo trionfo di sapori? Te lo sei inventato? Mi hai fatto venire voglia di correre a svaligiare il tuo freezer…:-)

Rispondi
Antonella13 novembre 2009 at 16:07

Ciao!
Sono una mamma a tempo pieno in cerca di occupazione (sono dietista!) e quando il mio piccolo dorme mi diverto a impastare…a sperimentare piatti! Impastare rilassa!
Purtroppo non li ho ancora fatti i ravioli….:-(
Prova a farli e poi mi dirai se ho ragione! Per le dosi io vado a “occhio”! Con la pasta che mi avanza faccio le tagliatelle!

Rispondi
Davide17 novembre 2009 at 10:12

Ciao Natalia!
Mi chiamo Davide , ho 24 anni e da quasi 2 anni vivo in Cina, a Nanjing di preciso.
reduce da una forte intossicazione alimentare, stufo dopo 3 giorni di riso olio e palmigianolegiano ( che pensio sia falso e prodotto in cina e rivenduto in America) ho cercato delle ricette per minestre e qualcosa di nuovo..beh non posso che farti i miei complimenti anzitutto per la passione con la quale parli dei tuoi figli, che ricorda molto mia madre,inoltre per questa tua bella passione!
A Dicembre tornerò in Italia per festeggiare Natale con la mia famiglia, e vedere il mio nipotino di appena un mese avuto da mia sorella alla quale non mancherò di consigliare questo sito!
Complimenti ancora.
Cordialità
Davide

Rispondi
Natalia
Natalia17 novembre 2009 at 19:05

@davide – ciao, che piacere che mi ha fatto leggere queste tue parole…ovvio no….mi riempi di complimenti! sei così giovane e ti trovi così lontano da casa, ti confesso che ogni tanto anch’io spingo le mie figlie a prendere in considerazione quegli scambi di studio annuali, quegli scambi interculturali, si non mi dispiacerebbe alleggerire in certi momenti la mia zavorra famigliare! ma loro no! stanno bene qui, mannaggia!!! sono contenta che a dicembre avrai l’occasione di ritornare, sarà per te una bella emozione conoscere il tuo nipotino, ti faccio anch’io i miei migliori auguri e ti ringrazio molto di aver lasciato un segno del tuo passaggio! grazie ancora

Rispondi
teresa20 novembre 2009 at 18:27

natalia, sono a dir poco ammirata dalla tua creatività culinaria e dal tuo essere madre …ti ho trovato per caso ma non ti lascio più..
un abbraccio
teresa

Rispondi
daniela27 novembre 2009 at 10:59

cara natalia
non posso resistere dal farti i complimenti.sei un vulcano n eruzione creativa!!!Bravissima.Anche io sono trapiantata a roma, dall’irpinia.Anche io ho per ora un (solo )cucciolo.Ed è bello sentire dal tuo blog la gioia e l’entusiasmo della tua bella (e sicuramente faticosa) famiglia.Ma dove trovi l’energia?Bello anche per questo.Posso solo imparare.Complimenti ancora.Mette gioia incontrare famiglie così.

Ps sicuramente ti disturberò ancora per consigli da mamma basic a mamma advance…dimenticavo, cmq amo anche io cucinare e Lorenzo se ne sta appollaiato sulla sua sedia a guardarmi e se uso il mixer fa col ditino un cerchio nell’aria…
pardon sparisco….
Con ammirazione Daniela

Rispondi
Natalia
Natalia28 novembre 2009 at 00:10

@teresa – grazie, sono molto felice, è faticoso, la mia famiglia è impegnativa non lo posso negare e spesso anche io perdo la pazienza, ma sono molto orgogliosa di tutta la mia banda (ora poi c’è anche il cane che quasi quasi mi piace pure!) . grazie mille ancora !

@daniela . brava continua così, vedrai che ricchezza riceverà il tuo bambino . quando vuoi io sono qui, se posso esserti utile, anche solo per scambiare quattro chiacchere, mi fa molto piacere, ragazze, voi mi mantenete giovane!!!!

Rispondi
isafragola19 dicembre 2009 at 11:04

Che bella questa tua presentazione, semplice e profonda, ci ritrovo molto di quello che vorrei essere

Rispondi
fiorella19 dicembre 2009 at 19:29

ciao, da quando tua cugina Roberta mi ha fatto vedere il tuo sito lo visito ogni settimana perche’ e’ troppo carino e mi vien voglia di provare tutto arrrivederci fiorella

Rispondi
daniela4 gennaio 2010 at 13:54

cara Natalia
come promesso debbo chiederti un consiglio e credo che tu sia la piu’ adatta come cuoca e come mamma.
il mio Lorenzo(20 mesi) da quando ha iniziato l’asilo non vuole saperne piu’ di verdura e frutta che prima mangiava regolarmente piu volte al giorno.Ero così contenta di avergli dato questa abitudine…Inoltre adesso fa tanti capricci e sempre con me ed il papa’…Non è deperito e non sono il tipo da corrergli dietro con la forchetta , credo sia dannoso x lui…ma vorrei che mangiasse cose sane.ormai per me i pasti sono diventati un momento ansiogeno della giornata.
che consigli mi dai?

Rispondi
Natalia
Natalia4 gennaio 2010 at 22:26

@daniela – tranquillizzati, non è che può mangiare da un’altra parte o con persone diverse da te e da tuo marito? forse in questo momento sta tentando di mettervi alla prova, di vedere chi è il più forte o fino a che punto siete disposti a cedere. anche le mie bimbe attraversano spesso fasi alterne, a volte divorano tutto quello che vedono davanti mentre altre mangerebbero solo latte e biscotti. visto che anche le mie figlie godono di buona salute mi permetto di non insistere, di non obbligarle a mangiare quello che metto in tavola, magari lo propongo però in un altro momento, al pranzo o alla cena sucessiva e noto che spesso lo mangiano senza batter ciglio . la tua organizzazione non ti permette di farlo mangiare a scuola? oppure lui mangia già a scuola e fa i capricci solo con voi? chiedi alle maestre se fa problemi, ma da come mi descrivi tu mi sembra che sia più una questione psicologica, un “farvela pagare” ad ogni costo. é troppo piccolo per rifiutare categoricamente il cibo da un momento all’altro, oddio, non voglio fare la psichiatra, queste sono solo mie considerazioni, prova a coinvolgerlo con te in cucina, lo so è piccolino, ma fallo giocare magari con una carotina, schiacciare una zucchina e poi mangiarla, magari anche fuori dall’orario di pranzo chissà…. daniela, spero di esserti stata utile e se hai ancora bisogno non esitare a scrivermi. un bacio e …tieni duro il mestiere della mamma è il più difficile!!!!

Rispondi
daniela6 gennaio 2010 at 20:31

cara natalia
ti ringrazio per avermi risposto.In effetti anche altre mamme mi dicono che puo’ succedere.Forse non ho neanche esposto bene la cosa sembrando una di quelle talebane salutiste.Pensa che dopo un po’ che mangiava solo quella ora rifiuta anche la spettacolare lasagna di sua nonna.A natale stando tutto il giorno con le cuginette si lasciava coinvolgere di piu e faceva meno capricci.Ma c’è da dire che ogni giorno mia mamma preparava lasagna, cappelletti,carne alla brace, mostacciuoli al cioccolato…Per ora andiamo avanti a tortellini (emiliani fatti in casa).Ma posso andare avanti mattina e sera?Purtroppo siamo soli a Roma, quando non va all’asilo c’è la baby sitter.all’asilo mangia il primo con secondo preparato da me.Dicono sempre che mangi tutto ma quando torna ha molta fame, la quale pero’ non gli impedisce i capricci.Ogni volta che cucino ( sempre)lo coinvolgo e gli spiego gli alimenti e gli do qualcosa da fare…
Quindi, secondo te mi conviene affamarlo un po’ (con la tentazione di cedere ogni momento ai suoi pianti) o assecondarlo con cure monocibo ?
Provo comunque ancora di piu a fargli preparare i cibi con me.
grazie grazie ancora

Rispondi
daniela7 gennaio 2010 at 20:59

cara natalia
ho novita’.
questa sera dopo l’iltima notte insonne mia e
di mio marito causa febbre del piccolo,
all’ennesimo capriccio di lorenzo con un solo sguardo
di intendimento…abbiamo sclerato.
siamo stati irremovibili x un 15 min di pianto disperato
ma almeno con un po’ di dolcezza alternata a faccia
truce,ha mangiato un po’di secondo (prosciutto cotto
e crescenza), anche se la pasta e lenticchie è stata
impietosaente rifiutata.
ma ho visto un po di luce in fondo al tunnel….
grazie per avermi dato coraggio
daniela e rosario

Rispondi
soribel12 gennaio 2010 at 17:23

sono capitata qua per caso!!!!e sono rimasta letteralmente affascinata dal sito!le ricette son stupende!!meravigliose!non vedo l’ora di provarle tutte^_^

Rispondi
Paolo25 gennaio 2010 at 19:11

Anch’io qui per caso, molto carina l’idea e anche se lontana dl mio modo di fare cucina..proverò di certo alcune delle tue ricette!!!

ciao

Rispondi
giulia28 gennaio 2010 at 13:08

Ciao Natalia,
volevo farti i complimenti per il blog, è bellissimo e pieno di idee gustose e simpatiche!
E’ già da un po’ che seguo le tue ricette, ho iniziato seguirti alla prova del cuoco quando mi è possibile, e poi per caso ho trovato il tuo blog!

Io ho 23 anni e adoro cucinare, anche io ho un blog e mi farebbe molto piacere se venissi a visitarlo per darmi anche qualche consiglio!

1 bacione
Giulia

Rispondi
Cettina12 marzo 2010 at 09:06

Complimenti per il tuo blog. Sono una mamma creativa che ama anche la cucina ‘sfiziosa’ ma non sono riuscita mai a trovare qualcosa che mi soddisfasse oltre a qualche libro….fin quando non ho scoperto il tuo blog. Leggo che tuo marito è calabrese. Di dove? Te lo chiedo perchè pure io sono calabrese ma vivo ormai da 10 anni a pisa non lasciando nè dimenticando la mia terra! La prossima settimana festeggerò i 3 anni di mio figlio Matteo e copio un po’ di cose…poi ti dico.

Ciao

Cettina

Rispondi
Natalia
Natalia12 marzo 2010 at 11:10

@giulia – mi ero dimenticata di risponderti! sono una frana a tener dietro a questo blog, a volte mi sfuggono commenti, risposte, post! uffa mi dispiace. Giulia grazie, sei giovanissima ed è bello vedere che porti avanti questa passione. verrò senz’altroo o forse li da te ti ho già lasciato un commento, ma ci ritornerò senz’altro. biogna sempre tener d’occhio le giovani leve! ciao

@Cettina – grazie , da una mamma creativa è un onore ricevere i complimenti !!!cosa sarebbe il mondo senza creatività, fantasia,… sai che anch’io ho avuto sempre lo stesso cruccio, si dai libri prendevo qulche spunto ma non ero mai soddisfatta, ecco perchè è nato questo blog, per cercare di raccogliere idee e spunti divertenti interessanti, che fanno parte della nostra cultura culinaria (e non quelle porcherie, scusa il termine un po’ duro, che ci vogliono propinare gli autori stranieri), ma i nostri editori evidentemente non ci credono o non vogliono credercii così mi sto dando da fare io, con questo blog, alla faccia di tutti!! e qui lo sfogo ci stava tutto!!! mio marito è originario di Crotone e tu? Auguri al piccolo matteo allora e chissà cosa gli preparerai! ciao

Rispondi
Cettina15 marzo 2010 at 13:42

Io sono di un paesino in provincia di Reggio Calabria…mia cognata è di Crotone 🙂
Ti farò sapere e vedere cosa preparerò per il compleanno del pupo!

Grazie per i consigli

Cettina

Rispondi
Antonella22 marzo 2010 at 14:32

Ciao! Mi chiedevo se in prossimità della Pasqua avresti realizzato una colomba dal gusto un pò particolare e veloce?! Grazie per le tue infinite idee culinarie!

Rispondi
Antonella23 marzo 2010 at 14:42

Eccomi qui a farti un’altra richiesta (forse) difficile (l’altra volta ti avevo chiesto per i biscotti plasmon!!!): siccome sto organizzando una festa per solo bimbi e devo preparare una torta, avevo pensato di fare non la solita crema pasticcera, ma pensavo alla crema delle brioche kinder per intenderci. Sapresti aiutarmi?

Rispondi
Natalia
Natalia23 marzo 2010 at 23:27

@antonella – ciao anto personalmente non ho mai fatto una crema così ma in rete ne ho viste fare tante. mi sembra abbastanza convincente la crema fatta con la panna montata dolcificata con il miele, e poi questa che trovi qui http://ilparadisodelledolcezze.blogspot.com/2009/01/kinder-fetta-al-latte.html . anche barbara de “la cuoca felice” ha postato una volta una crema in bianco, la camy cream, un po ‘calorica ma a lei (e io barbara la stimo tantissimo) è piaciuta molto. fammi sapere se ti occorre un altro consiglio ancora per ora ti saluto!

Rispondi
tempodicottura.it21 aprile 2010 at 11:57

[…] tratta del blog della "mamma in cucina" Natalia Cattelani, della prova del […]

Rispondi
Barbara29 aprile 2010 at 14:38

Ciao, ti guardo sempre alla prova del cuoco e tramite il forum di Cookaround ho scoperto il tuo blog! Ovviamente salvato tra i preferiti!!!
Complimenti, sei davvero brava e piena di originalità.
🙂

Rispondi
isabel5 maggio 2010 at 15:50

Ciao Natalai !! Mi chiamo Isabel e sono spagnola ma da 6 anni che sono insieme a mio marito che anche è italiano ( di Cesena, vicino Rimini). Anch’io sono molto tifosa della cucina ma sopratutto del mondo del Sugarcraft e della pasticceria creativa. Ti invito a dare una occhiata al mio sito web.Ma sopratutto ti scrivo per farti i miei complimenti per il tuo lavoro come cuoca. Da ora in poi ti visiterò spesso. Ciao

Rispondi
Natalia
Natalia6 maggio 2010 at 22:57

@barbara – grazie mi fa molto piacere, poi sul vostro forum mica schrezate siete tutte bravissime!!!

@isabel -grazie sono venuta a vederti, sei molto brava complimenti davvero !

Rispondi
Elisa8 luglio 2010 at 23:04

Ciao Natalia,
ti ho appena scoperta e tornerò a leggerti molto volentieri.
Spero che anche grazie ai blog come il tuo smetterò di dare a figli e marito solo pasta al pesto e hamburger 🙂

Elisa

patatoni.com

Rispondi
akari27 luglio 2010 at 13:43

Ciao Natalia, ti seguo da qualche tempo cercando ispirazione tra le tue ricette originali per bambini e le bellissime fotografie che mettono appetito ma solamente adesso colgo l’occasione per ringraziarti e farti i miei più sinceri complimenti, poi magari se organizzi una cenetta a roma io mi prenoto 😀

Rispondi
Cle4 ottobre 2010 at 07:40

I miei complimenti, da appassionata della cucina e del web.
E’ difficile trovare dei blog di cucina fatti bene, con idee originali quanto “ripetibili”, e sopratutto dalla facile lettura (molti blog, specie di cucina, hanno troppi glitter, troppe foto, troppe cose inutili che appesantiscono la lettura e la ricerca).
Trovo davvero molto bello questo sito e freschissime le tue idee!
Grazie di condividerle con noi naviganti e ancora complimenti!
Cle

Rispondi
Mele31 ottobre 2010 at 20:44

ciao Natty,
sono la Mele …
Chissà se riuscirò a scriverti …
ma è proprio fantastico il Tuo Blog … hai tantissime ammiratrici.
credo proprio che ciò che stai facendo sia molto importante per noi mamme ….
nei prossimi giorni vedrò di procurarmi il libro da Artioli, scusa ma via inernet non so come si fa … oppure vado nella libreria di Modena dove hai fatto la presentazione il 16 ottobre scorso.
poi però mi farai la dedica quando ci vedremo e spero sia molto presto.
un abbraccio
Mele

Rispondi
Antonella18 novembre 2010 at 14:53

Ciao Natalia!
Ho comprato per sbaglio (meglio non portare i bambini a far la spesa!!) della farina di castagne anzichè quella di ceci per la farinata e ora cosa ne faccio che possa andar bene anche per il mio piccolo di due anni? Grazie

Rispondi
natalia
natalia18 novembre 2010 at 22:58

@antonella – penso che possa nadare bene e non ci siano problemi. puoi fare gli gnocchi di castagne, oppure le frittelle, il castagnaccio che è fantastico, e anche il pane con le castagne. fin dai tempi dei nostri nonne le castagne costituivano l’unico tipo di farina a buon mercato, con alto valore nutrizionale, la farina dei poveri per intenderci. se dai un ‘occhiata su internet troverai una marea di ricette che fanno uso della farina di castagne. della serie che non si butta via niente! ciao antonella un abbraccio!

Rispondi
1 2 3

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.